Eseguire chiamate AJAX con jQuery e JSON in WordPress

Ajax and WordPress

Succede sempre più di frequente di dover effettuare delle chiamate ajax in WordPress. In questo articolo vedremo come effettuare delle chiamate asincrone senza dover creare nuove pagine WordPress ma sfruttando lo script utilizzato dall’interfaccia del wp-admin.
Nell’esempio in questione, la chiamata AJAX restituirà un file JSON formato davvero utile per rappresentare i dati restituiti da una query. Lato javascript useremo la funzione $.getJSON(…) di jQuery mentre lato server scriveremo il nostro script all’interno del file functions.php presente in qualsiasi tema WordPress.

Per prima cosa dobbiamo creare la corrispondenza tra una nuova action e la nostra funzione php:

add_action('wp_ajax_myaction', 'my_function');

Fatto ciò possiamo scrivere la nostra funzione my_function la quale corrisponderà all’azione myaction (il nome è puramente indicativo, potete chiamare l’azione e la funzione come preferite):

function my_function() {
  global $wpdb;
  $id = $_GET['id'];
  $rows = array();
  $q = "SELECT * FROM my_table WHERE id = ".$id;
  $rows['results'] = $wpdb->get_results($q, ARRAY_A);
  if(count($rows) <= 0){
    return false;
  }
  echo json_encode($rows);
  exit();
}

In questo script trovate tutto l’indispensabile per completare la parte lato server. Come si può intuire la query dovrà utilizzare un parametro passato in GET, poi utilizzando la variabile globale wpdb effettueremo la query sul database. La json_encode trasformerà l’array associativo con i record letti tramite la SELECT in una stringa JSON e la stamperemo a video tramite l’echo. Non dimenticate la exit() finale perchè altrimenti verrà stampato uno “0” che vi metterà in difficoltà nel parsificare il JSON.

Un ultimo particolare di cui tenere conto è che la add_action crea un’azione per l’admin-ajax.php che è un file accessibile solo da utenti loggati, quindi per consentire l’esecuzione dell’azione sia da utenti registrati sia da ospiti sarà necessario aggiungere un’ulteriore linea di codice come questa:

add_action('wp_ajax_nopriv_myaction', 'my_function');

Dopo aver completato lo script PHP possiamo passare al lato client, con il codice javascript per la chiamata della funzione:

$jQ.getJSON('<?php echo get_bloginfo('url'); ?>/wp-admin/admin-ajax.php',{action: 'myaction',id: 'tuo_id'}, function(json){...Codice javascript per parsificare il json...}

Ho omesso l’inclusione di jquery in WordPress, ma potete trovare come fare in un mio precedente articolo che trattava l’argomento nello specifico.

A questo punto non vi resta che sbizzarrirvi con le chiamate ajax nel vostro template oppure dai vostri plugin (in quest’ultimo caso basta spostare il codice PHP in un file del vostro plugin).

Piccoli traguardi… piccole soddisfazioni, 2000 visite mensili!

Report Google Analytics

Cari lettori del blog, oggi ho raggiunto un piccolo ma importante traguardo… I dati di google analytics parlano chiaro, sono state sorpassate le 2000 visite mensili e per questo voglio condividere con voi alcune statistiche di cui vado fiero.

Dal 27 agosto al 26 settembre questo blog ha ricevuto 2004 visite, con 1672 visitatori unici e 2369 visualizzazioni di pagina di cui 2175 uniche. L’80,84% delle visite sono nuove e ovviamente il paese predominante è l’italia con 1910 visite  delle quali 1853 in lingua italiana.

I tre articoli più popolari per il momento sono nell’ordine “Creare un web service con soap e php” con 401 visualizzazioni, “Sincronizzare Google Calendar con iCal su Mac e iPhone” con 395 visualizzazioni e “Calibrare la batteria di un Macbook Pro e non solo…” con 323 visualizzazioni.

Grazie a tutti voi che mi leggete, continuate a farlo! Mi auguro di poter continuare a scrivere articoli (spero) interessanti per accrescere questi numeri!

A presto, Davide.

Eseguire un’applicazione Django su ubuntu server con nginx, gunicorn, upstart e mysql (DUNG stack)

Gunicorn

Oggi torno a scrivere sul blog per raccontare come eseguire il deploy di un’applicazione Django su ubuntu server con Nginx come web server, Gunicorn come application server WSGI e MySQL come DBMS.

Inizialmente per ospitare un’applicazione scritta con il framework Django utilizzavo un classico stack in stile LAMPP (Linux + Apache + mod_wsgi). Successivamente per cercare di limitare l’utilizzo di ram ho scoperto (grazie al blog degli ingegneri di instagram) lo stack DUNG che rappresenta la configurazione con nginx + gunicorn + ubuntu.

Non appena si iniziano le configurazioni si comprendono la semplicità e la velocità di messa a punto del nuovo stack. Nginx usa file di configurazione scritti con una sintassi simile ad un linguaggio di programmazione, molto più semplici da comprendere e da scrivere per chi ha poca dimestichezza con queste cose.

Per prima cosa installiamo nell’ordine mysql e nginx, successivamente installiamo django.

Fatto ciò, tramite easy_install possiamo installare Gunicorn:

sudo easy_install gunicorn

A questo punto dobbiamo configurare nginx come proxy server per le richieste: tutto ciò che riguarda i file statici (immagini, css, js, ecc…) verrà servito direttamente da nginx mentre le richieste inerenti il codice python dovranno essere girate al server WSGI (gunicorn nel nostro caso) che le eseguirà e restituirà la pagina risultante.

Come per apache i file di configurazione dei vari siti sono in /etc/nginx/sites-available (invece di /etc/apache/sites-available), per cui creiamo il file di configurazione per la nostra applicazione django in questo modo:

upstream project {
        server 127.0.0.1:8200 fail_timeout=0;
        server 127.0.0.1:8201 fail_timeout=0;
}

server {
        listen 80;
        server_name mydomain.com www.mydomain.com;
        access_log /var/log/nginx/mydomain_access.log;
        error_log /var/log/nginx/mydomain_error.log;

        root /srv/django_srv/mydomain/app;

        location / {
                proxy_set_header Host $host;
                if (!-f $request_filename){
                        proxy_pass http://project;
                        break;
                }

        }
        location /upload  {
                alias /srv/django_srv/mydomain/uploads;
                }
        location /static  {
                alias /srv/django_srv/mydomain/app/_statics;
        }
        location /admin/media {
                alias /opt/Django-1.3.1/django/contrib/admin/media;
        }
}

Come potete vedere nel blocco di configurazione upstream project a questo punto dobbiamo configurare gunicorn in modo da farlo rispondere sulla porta 8200 e 8201. In questo modo quando caricheremo aggiornamenti del nostro progetto e dovremmo riavviare gunicorn, il sito non sarà mai irraggiungibile, inoltre se il processo gunicorn dovesse crollare per qualche motivo ce ne sarà sempre un altro disponibile. Gli alias che vedete sono per i file uploadati dagli utenti tramite l’applicazione, i file statici del sito e i file statici per il backend amministrativo (per questi ultimi dovete dare il path alla cartella di installazione di Django). Dopo aver salvato questo file create un link simbolico nella cartella effettiva dei siti di nginx:

ln -s /etc/nginx/sites-available/mydomain.com /etc/nginx/sites-enabled/mydomain.com

Per avviare gunicorn, essendo su ubuntu, utilizziamo upstart il nuovo sistema per avviare tasks e servizi all’avvio del sistema. Creiamo il file /etc/init/gunicorn_8200.conf e copiamo le seguenti istruzioni:

description "Gunicorn Django on 127.0.0.1:8200"
start on runlevel [2345]
stop on runlevel [06]
respawn
respawn limit 10 5
exec /usr/local/bin/gunicorn_django --bind=127.0.0.1:8200 --workers=2 --access-logfile=/var/log/gunicorn/8200_access.log --error-logfile=/var/log/gunicorn/8200_error.log --daemon /srv/django_srv/mydomain/app/settings.py

Con queste istruzioni diciamo al processo gunicorn di ripartire in caso di crash (respawn) di rispondere all’indirizzo 127.0.0.1 sulla porta 8200 (–bind) di partire come demone (–daemon) e gli diamo i percorsi dei file di log e del file di settings della nostra applicazione.

A questo punto riavviamo il server per verificare che anche upstart funzioni:

shutdown -r now

Il gioco è fatto e la nostra applicazione è pronta per essere utilizzata. I file del progetto django (in base a questa configurazione) devono risiedere in /srv/django_srv/mydomain/app, mentre i file di upload sono in /srv/django_srv/mydomain/uploads per fare in modo che non siano all’interno dell’applicazione e che siano facilmente backuppabili ;)

Spero di essere stato esaustivo, di sicuro con questa configurazione vi potrete accorgere del notevole risparmio di ram rispetto ad un classico stack che utilizza apache come webserver.

Server virtualizzato con VirtualBox 4.0 su Ubuntu Server 10.04 LTS

Oracle Virtualbox

Oggi inauguro la nuova grafica del blog con un articolo molto interessante. Questo tutorial vi aiuterà a virtualizzare dei server con VirtualBox da linea di comando.
Ho installato virtualbox 4.0 su una macchina ubuntu server 10.04, ma repository a parte penso che vada bene su qualsiasi versione di ubuntu e più in generale su qualsiasi debian.

Per chi lavora come me su ubuntu server 10.04 per prima cosa bisogna aggiungere il repository di virtualbox nei sorgenti apt. Aprite il file source.list:

sudo vim /etc/apt/sources.list

E aggiungete in fondo la linea:

deb http://download.virtualbox.org/virtualbox/debian lucid contrib

Salvate e chiudete e scaricate la chiave pubblica:

wget -q http://download.virtualbox.org/virtualbox/debian/oracle_vbox.asc -O- | sudo apt-key add -

A questo punto aggiornate:

sudo apt-get update

..e installate il software necessario:

sudo apt-get install linux-headers-$(uname -r) build-essential virtualbox-4.0 dkms

Il pacchetto dkms serve per far sì che ogni volta che il kernel verrà aggiornato verrà aggiornato automaticamente anche virtualbox.

A questo punto scaricate l’extension pack di virtualbox

cd /tmp
wget http://download.virtualbox.org/virtualbox/4.0.16/Oracle_VM_VirtualBox_Extension_Pack-4.0.16-75491.vbox-extpack
sudo VBoxManage extpack install Oracle_VM_VirtualBox_Extension_Pack-4.0.16-75491.vbox-extpack

Ora dovrete aggiungere il vostro utente al gruppo utenti di virtualbox:

sudo adduser your_user vboxusers

Ora la configurazione di virtualbox è terminata, possiamo procedere con la creazione di una nuova virtual machine.

VBoxManage createvm --name "ubu_srv_1" --register
VBoxManage modifyvm "ubu_srv_1" --memory 512 --acpi on --boot1 dvd --nic1 bridged --bridgeadapter1 eth0
VBoxManage createhd --filename /home/your_user/vbox/ubu_srv_1/ubu_srv_1.vdi --size 10000
VBoxManage storagectl "ubu_srv_1" --name "IDE Controller" --add ide
VBoxManage storageattach "ubu_srv_1" --storagectl "IDE Controller" --port 0 --device 0 --type hdd --medium /home/your_user/vbox/ubu_srv_1/ubu_srv_1.vdi
VBoxManage storageattach "ubu_srv_1" --storagectl "IDE Controller" --port 1 --device 0 --type dvddrive --medium /home/your_user/downloads/ubuntu-10.04.4-server-amd64.iso

Con queste istruzioni la nuova macchina virtuale è pronta.

Ora per il primo lancio vi consiglio di usare VBoxHeadless che oltre a lanciare la vm appena creata metterà in piedi un server VRDP, in modo che possiate accedere alla macchina con un client di desktop remoto. Per cui, settiamo la porta del vrdp:

VBoxManage modifyvm "ubu_srv_1" --vrde-port 9800

..e lanciamo la macchina virtuale (abbiate cura di mettere la “&” al fondo del comando in modo da poter continuare sulla stessa shell senza chiudere bruscamente il processo della virtual machine):

VBoxHeadless --startvm "ubu_srv_1" &

Quindi aprite il vostro client di desktop remoto preferito e collegatevi all’ip della vostra macchina su cui avete installato virtualbox aggiungendo “:9800”. Il mio indirizzo a cui rispondeva il server rdp era ad esempio 192.168.0.200:9800.
Potete quindi installare normalmente ubuntu server come se foste su una macchina fisica. Finita l’installazione riavviando la macchina partirà il sistema in automatico. Collegatevi e come prima cosa controllate l’ip (meglio assegnarne uno fisso). Prima di poter dire di avere la vm pronta dobbiamo fare in modo che al prossimo lancio non parta più l’immagine di installazione, per cui spegnete la macchina e ritornate sulla shell del server virtualbox:

VBoxManage modifyvm "ubu_srv_1" --boot1 disk

Adesso siete davvero pronti per lanciare la vostra nuova virtual machine. I passi successivi servono per ottimizzare l’utilizzo di ram del vostro server.

Riavviate la macchina fisica che ospita la/le macchina/e virtuale/i e ricollegatevi. Da shell modificate ancora la vm con il seguente comando per non lanciare il server vrdp quando avviate la vm, così da occupare la sola ram indicata per la vostra vm:

VBoxManage modifyvm "ubu_srv_1" --vrde off

Ora potete nuovamente lanciare la vostra macchina virtuale con il comando:

VBoxManage startvm "ubu_srv_1" --type headless &

Per tutti i comandi di VBoxManage fate riferimento all’help:

VBoxManage --help

Per spegnere o mettere in pausa la macchina i comandi sono:

VBoxManage controlvm "ubu_srv_1" poweroff
VBoxManage controlvm "ubu_srv_1" pause

Buon divertimento!

iPad 3 o iPad HD ?

I dubbi sono tanti.. Ad iniziare dal nome (o i nomi), le indiscrezione parlano di un iPad HD, ma siamo sicuri che si tratti davvero della nuova versione del gioiello di casa Apple e non di un?

Le indiscrezioni riguardano:

  • Retina display: stessa dimensione dello schermo ma doppia densità di pixel così da permettere una risoluzione dello schermo raddoppiata rispetto alle vecchie versioni.
  • Batteria con autonomia maggiore: probabilmente questo porterà un leggero incremento di spessore
  • Processore quad core: anche per questo serve una batteria più performante, ma sicuramente incrementerà le prestazioni
  • Assenza del pulsante home: un recente brevetto Apple parla di una nuova tecnologia per utilizzare nuove gestures che sarebbero in grado di sostituire le funzioni dell’ormai immancabile pulsante rotondo presente su tutti i device mobili di Apple
  • Fotocamera migliorata: l’attuale fotocamera non consente di scattare foto di buona qualità, probabilmente verrà inserita una fotocamera molto simile a quella di iPhone 4S

Per sapere quali di questi punti sono azzeccati, bisognerà aspettare le 19 di domani, quando Tim Cook salirà sul palco dello Yerba Buena Center di San Francisco.

Ci sarà anche il One More Thing?

Voi cosa ne pensate?

 

Se domani sera volete seguire tutte le novità in diretta, potrete farlo a questo indirizzo sul blog del mio amico Matteo Bovetti!

Commenti annidati in wordpress

In questi giorni sono ritornato a lavorare un po’ sul mio amato wordpress.

Oltre a segnalarvi un fantastico restyle grafico del tema di backend per l’amministrazione del blog che potete trovare aggiornando wordpress alla versione 3 oggi voglio parlarvi di come modificare il tema dei commenti.

Questa piccola modifica servirà per visualizzare i commenti annidati, ossia far comparire le risposte ad un commento all’interno del commento stesso, per migliorare la discussione e permettere a chi legge per la prima volta tutti i commenti, chi ha risposto a chi e così via.

WordPress ammette di default una profondità di 5 commenti annidati, ma potete impostarla a piacere tramite il menu “Impostazioni”->”Discussione”.

Se utilizzate uno dei tanti temi scaricati dall’archivio di wordpress verificate solamente che il tema sia aggiornato e di norma dovrebbe già includere questa funzione.

Se invece come me sviluppate spesso temi partendo da zero e partite da un tema semplice e magari non aggiornato alle ultime versioni, dovrete compiere alcuni semplici passi:

  1. Nell’header.php (il file della testata), aggiungete una riga sopra al “wp_head()” con questo codice:
    <?php if( is_singular() ) wp_enqueue_script( ‘comment-reply’ ); ?>
  2. Nel file comments.php dove troverete il tag “ol” con all’interno il tag “li” che ha come classe css “comment” sostituite tutto il blocco con la semplice riga
    <ol class="commentlist">
    <?php wp_list_comments(); ?>
    </ol>
  3. A questo punto non vi resta che editare il vostro css e inserire uno stile personalizzato per i vari livelli di profondità dei commenti, per selezionare il tag “li” relativo al tag “ul” dei commenti inserite in testa al selettore css la classe “.commentlist” e il gioco è fatto!

In pochi e semplici passi avrete così una più chiara visione dei commenti e soprattutto della discussione.

Da notare è che il requisito minimo per poter sfruttare questa funzionalità è quello di avere wordpress 2.7 o versione superiore.

Installare Django 1.3 su Mac OS X 10.7 Lion e XAMPP 1.7.3

Se anche voi come me siete curiosi utilizzatori di mac, in questi giorni sarete sicuramente stati tentati di installare l’ultima versione di OS X, ovvero la major release 10.7 denominata “Lion”.

Se non avete ancora provveduto all’aggiornamento, ma siete in procinto di farlo, vi consiglio quest’ottima guida di macitynet (onde evitare problemi al primo avvio di Lion).

Terminato l’aggiornamento sembrava tutto apparentemente funzionante, fino a quando non ho tentato di avviare il server di sviluppo di django. Non ricordo con precisione l’errore ma il succo era che il driver per la connessione al db non era più funzionante. Ingenuamente ho disinstallato mysql-python(conosciuto anche come mysqldb) credendo fosse sufficiente una reinstallazione…. ripeto: ingenuo. ;-)

Lanciando il comando:

sudo python setup.py build

ottenevo una sbrodolata di errori relativi a librerie gcc. A fiuto ho quindi reinstallato xcode (scaricabile gratuitamente dall’app store) e rilanciato la build di mysql-python… ancora errori, ma quelli precedenti sembravano risolti. Ora le rogne venivano dal mysql_config mancante… Ho scoperto che nella cartella di installazione di mysql-python c’è un file site.cfg che contiene questa famosa variabile mysql_config, la quale deve contenere il path al file mysql_config (file di configurazione di mysql). Per me che uso XAMPP 1.7.3 su mac questo file si trova in “/Applications/XAMPP/xamppfiles/bin”.

Lanciando la build del driver ottengo errori dovuti alla mancanza degli headers di mysql, errore che avevo già riscontrato nell’installazione di Imagick su XAMPP per Mac, vado per cui diretto sul sito di XAMPP 1.7.3, scarico il development package e lo installo.

Sperando nella buona sorte rilancio per l’ennesima volta la build di mysql-python e incappo nell’ennesimo errore. Questa volta sembra che sia dovuto ad una errata versione di XCode, ma leggendo più approfonditamente noto che il problema è dovuto al mancato supporto power-pc (ppc) a partire da XCode 4. Per risolvere questo ennesimo problema si deve editare il famoso mysql_config (in “/Applications/XAMPP/xamppfiles/bin” per chi usa XAMPP) nel seguente modo.

Alla riga 97 sostituite la versione minima di mac osx, io ho modificato da 10.4 a 10.6 (vedete voi), la mia riga ora è così:

ldflags='-L/Applications/XAMPP/xamppfiles/lib -I/Applications/XAMPP/xamppfiles/include -mmacosx-version-min=10.6 '

Alla riga 122 riportate la versione di mac appena modificata e inoltre eliminate la voce -arch ppc, la mia riga ora si presenta così:

cflags="-I$pkgincludedir  -I/Applications/XAMPP/xamppfiles/include -L/Applications/XAMPP/xamppfiles/lib -mmacosx-version-min=10.6 -arch i386 -D_P1003_1B_VISIBLE -DSIGNAL_WITH_VIO_CLOSE -DSIGNALS_DONT_BREAK_READ -DIGNORE_SIGHUP_SIGQUIT  -DDONT_DECLARE_CXA_PURE_VIRTUAL " #note: end space!

A questo punto lanciate la build e per magia arriverà fino al termine senza più errori. Potete quindi installare il pacchetto lanciando il comando:

sudo python setup.py install

A questo punto django sarà tornato alla normalità (a meno che voi utilizzaste le python image library, PIL, per cui dovrete reinstallare anche quelle, ma io non ho riscontrato problemi nel farlo).

Installare Ubuntu Server 10.04 LTS con RAID 10 e LVM

Eccomi qua! Dopo un po’ di tempo con poche “scoperte” interessanti, oggi ritorno con un articolo che riguarda i server.

Ovviamente quando parlo di server, parlo di linux e ancora più nello specifico di Ubuntu.

Ultimamente per andare sul sicuro mi sono abituato ad utilizzare solo più le versioni LTS ossia le Long Term Support, le versioni supportate per 3 anni, decisamente molto più stabili rispetto alle altre.

Quando si installa un server generalmente si ha a che fare con la necessità di mantenere il più possibile al sicuro i dati che vi verranno salvati e per fare ciò è buona norma gestire lo spazio a propria disposizione con il RAID ossiamo un sistema di replica delle informazioni in tempo reale che tenta di ridurre al minimo le possibilità di perdita di dati (ridurre, non eliminare, ne ho le prove ;-) ).

L’installazione di Ubuntu consente di creare un RAID software nel caso in cui il server che stiamo preparando non abbia un sistema di RAID hardware.

Tralasciamo la discussione sulla scelta del RAID, per quello che ho potuto provare sulla mia pelle in genere è sempre meglio un RAID 0 o un RAID 1 o meglio ancora un RAID 1+0 detto anche RAID 10 perchè a differenza dell’alternativo RAID 5 lascia i dati in chiaro e quindi leggibili in qualsiasi momento, anche collegandolo su un’altra macchina (in caso di problemi). Detto ciò, veniamo a come preparare le partizioni per costruire il RAID.

Prendendo l’esempio di 2 dischi da 500 Gb vi conviene creare due partizioni primarie per ciascun disco (scegliete la voce “partizionamento manuale”): una dimensionata il doppio della ram presente sul server, e una con lo spazio rimanente. Ripetete la stessa cosa con le altre due partizioni dell’altro disco. Per ogni partizione alla voce “usare come” dobbiamo ricordarci di impostare “volume per il raid”. Fatto ciò possiamo terminare il partizionamento e configurare gli array raid tramite l’apposito menu, scegliendo il raid desiderato e settando quanti dischi usare per il raid (2) e quanti dischi di spare(0).

Come detto dobbiamo configurare due array, uno per la swap e uno per il sistema vero e proprio. Per il primo array scegliamo i due volumi a cui abbiamo assegnato il doppio della dimensione della ram, confermiamo e passiamo alla configurazione del secondo array con i restanti due volumi.

Finita la configurazione dei due array del raid possiamo terminare l’operazione e scrivere le modifiche.

Quando apparirà nuovamente la schermata con le tabelle delle partizioni potremo notare che sono state aggiunte due voci all’elenco, ossia quelle corrispondenti ai due arrays. A questo punto possiamo creare due partizioni (una per array) e impostare la voce “usare come” su “volume per LVM”.

L’LVM è un gestore dei volumi logici, ossia consente di creare dei volumi “estendibili” in qualsiasi momento. Infatti smontando i volumi si possono aumentare le loro dimensioni senza dover formattare e senza subire perdite di dati, e addiritture si possono raggruppare in un unico volume più dischi (anche aggiunti in un secondo momento). Un po’ quello che si può fare tramite l’ormai conosciutissimo GParted in Ubuntu desktop.

Tornando all’installazione del nostro ubuntu server, una volta impostate le nostre partizioni come volumi per LVM possiamo procedere alla creazione dei due volumi logici, come già detto uno per lo swap e uno per il sistema. Una volta confermata la creazione dei due volumi logici (dovrete assegnare un nome ai volumi da creare, ad esempio “swap” e “srv”) nella tabelle delle partizioni troveremo altre due voci, rappresentati i due nuovi volumi appena creati.

A questo punto possiamo procedere alla creazione delle partizioni da far usare all’installazione di Ubuntu: una da impostare come “volume swap” e l’altra da impostare con ext4 (o ext3 per i più tradizionalisti :-P ). Ovviamente la partizione formattata con ext4 dovrà avere come punto di mount “/” (root). Confermate queste modifiche l’installazione procederà a gonfie vele, e in pochi minuti il vostro server sarà pronto per l’uso! :-)

Calibrare la batteria di un Macbook Pro e non solo…

E’ passato quasi un anno da quando ho abbandonato il mondo dei pc per passare a mac. Ma non voglio stressarvi su quanto mi trovi bene in questo mondo rispetto all’altro, per il momento siete salvi ;-). Voglio invece raccontarvi di una piccola scoperta fatta.

Quando ho avuto tra le mani il mio Macbook Pro, una delle prime cose su cui mi sono documentato è stato il “come usare al meglio la batteria”. Viste le passate esperienze da ignorante su questo argomento, e dato che il mio vecchio pc era arrivato ad avere una quindicina di minuti di autonomia rispetto alle due ore e mezza iniziali, desideravo non ripetere l’esperienza negativa. Dopo poche ricerche sono finito su questa pagina ufficiale di apple.

Apple consiglia di usare a piacere il proprio mac senza preoccuparsi troppo della batteria, seguendo solo alcune semplici regole. L’elemento essenziale delle batterie al litio è quello di far “muovere” gli elettroni che stanno all’interno delle batterie, è sconsigliabile quindi lavorare sempre collegati alla rete elettrica. L’uso ottimale è quello di un pendolare che usa la batteria del suo mac sul treno mentre va a lavoro e poi una volta arrivato in ufficio lo collega alla rete, per poi fare la stessa cosa nel viaggio di ritorno.

Fortunatamente non tutti prendiamo il treno, e non mi sembra cosa buona e giusta prendere il treno solo per ottimizzare l’uso della propria batteria, ma ricordatevi di farla scaricare e ricaricare di tanto in tanto.

Oltre a ciò Apple consiglia di calibrare la batteria una volta ogni due mesi (o una volta al mese ancora meglio). La calibrazione non richiede nulla di troppo faticoso ma soltanto alcuni piccoli accorgimenti. Riporto di seguito i passi da seguire per effettuare la calibrazione della batteria del vostro mac (la pagina ufficiale è questa):

  1. Collegare l’alimentatore al proprio mac e caricarlo completamente fino a quando la luce del connettore non diventa verde o quando l’icona della batteria nella barra in alto non segnala la carica completata.
  2. Lasciare l’alimentatore collegato al mac per due ore o più. Durante questa fase potete tranquillamente continuare ad usare il vostro mac.
  3. Passate almeno le due ore, scollegare il cavo dell’alimentatore con il mac acceso e iniziare (o continuare) ad usarlo per scaricare la batteria.
  4. Portare la carica della batteria al minimo, salvare i lavori e usare il mac fino a quando non va in stato di stop autonomamente.
  5. A questo punto lasciare spento il mac per almeno 5 ore
  6. Passate le 5 ore, ricollegare il mac all’alimentatore e caricarlo fino a raggiungere la carica completa (è possibile usare il mac in questa fase).

Come vi dicevo ho fatto una scoperta: sul nuovo pc che uso per lavoro ho installato Ubuntu 10.04, il quale ha l’applicazione di gestione della batteria che segnala la carica di fabbrica della batteria in uso e l’ultima carica raggiunta. Vedendo che dopo alcune scariche e ricariche l’ultima carica raggiunta si allontanava dalla carica di fabbrica ho provato a seguire la stessa procedura che uso per calibrare la batteria del mac e…. funziona! ;-). Dopo aver calibrato la batteria, Ubuntu mi segnalava l’ultima carica raggiunta identica alla carica di fabbrica.

In definitiva credo che tutti i notebook di ultima generazione (ovvero con batteria al litio) possano seguire questa procedura.

Grazie ad Apple per queste preziose indicazioni per mantenere al meglio le batterie dei nostri portatili! ;-)